Napoli 1943 - I monumenti e la ricostruzione

home Available

40,00 €

20 articoli disponibili

Titolo: Napoli 1943 - I monumenti e la ricostruzione

Autore: Roberto Middione e Annalisa Porzio

Editore: Edizioni Fioranna

Luogo di pubblicazione: Napoli

ISBN: 9788890349140

Pagine: 262

Dimensioni: 21x30

Peso: 1,2 kg

Rilegatura: Brossura illustrata

Illustrazioni: a colori e in bianco e nero

Anno di pubblicazione: 2010

Lingua: Italiano 

Disponibilità: si  

Con caratteristiche diverse da un volume di atti, arricchito di immagini anche a colori di Archivio Life e di fondi napoletani, inglesi e americani - in copertina la straordinaria immagine della Fontana di Santa Lucia scattata da Geroge Rodger - il libro raccoglie in modo sintetico gli interventi di oltre trenta studiosi - storici dell'architettura, dell'arte e del restauro - al convegno "Napoli 1943. I monumenti e la ricostruzione", organizzato in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio (24-27 settembre 2009) dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici Paesaggistici Storici Artistici ed Etnoantropologici di Napoli e Provincia, in collaborazione con il Dipartimento di Storia dell'Architettura e Restauro dell'Università Federico II di Napoli.

Introdotto dal Soprintendente Stefano Gizzi con un saggio sulle "Questioni di restauro postbellico a Napoli" il volume presenta uno spaccato ampio delle questioni di metodo, della documentazione storica, oltre che grafica, fotografica e anche cinematografica, delle vicende della protezione prebellica dei monumenti, dei danni provocati dai bombardamenti e dall'occupazione militare, e della ricostruzione, non senza tener conto del dramma della vita civile a Napoli durante la Seconda Guerra Mondiale.

Particolare riguardo è riservato alla struttura alleata di controllo sullo stato dei monumenti, la Subcommission for Monuments, Fine Arts and Archives III Region, diretta dal maggiore Paul Gardner, e alla storia recente di Palazzo Reale, delle chiese di Santa Chiara, Monteoliveto, Sant'Eligio Maggiore, del Cannine, della zona del Porto e dell'edifìcio dell'Università. Specifici contributi riguardano la prassi industrializzazione edilizia nel restauro dei monumenti, e i progetti di di trasloco degli altari barocchi per la ricostruzione postbellica, gli effetti della musealizzazione di Villa Floridiana, Santa Chiara e Sant'Aniello a Caponapoli.